ripple effect - descrizione - atelier qbe3 | architettura | interni | design

Vai ai contenuti

Menu principale:

ripple effect - descrizione

Effetto a catena.

Nelle nostre città vi sono luoghi, edifici, scorci che evocano immagini e ricordi.
Elementi che fanno parte della storia di un paese di cui molto spesso ci si dimentica, o meglio tornano attuali solo nel momento in cui qualcuno o qualcosa attenta alla loro "esistenza".
Sono "presenze" che raccontano una storia, molte volte non conosciuta ai più, strettamente correlata alle dinamiche di sviluppo urbano di una città.

Questo è l'esempio della torre piezometrica di Fossano.
Una cisterna di distribuzione dell'acqua che rappresenta un forte elemento identificativo nello skyline della città.
La prima domanda da porsi forse è la più scontata, ma allo stesso tempo è la più importante: "come mai una torre serbatoio è stata costruita in un punto così visibile e strategico?".
La risposta più semplice è legata alla sua funzione. Per una questione di principio distributivo è necessario un posizionamento privilegiato in altezza per poter portare l'acqua alle varie utenze cittadine.
Nel caso di Fossano questo è vero, ma esiste un'altra motivazione molto più legata alla storia e al significato simbolico di questa costruzione.
L'acqua è da sempre un privilegio importante per una città ed in passato possedere una torre serbatoio permetteva di ottenere quello che veniva definito "potere dell'acqua", ovvero la capacità di una cittadina di essere completamente autosufficiente dal punto di vista di accumulo e gestione di questa
importante risorsa naturale. Pensare dunque ad uno skyline senza questa importante "presenza simbolica" sarebbe un oltraggio a quello che ha significato nel tempo per tutti coloro che hanno usufruito di questo importante privilegio e che hanno lottato per esso.

L'idea progettuale parte dunque da queste considerazioni e persegue il principio di valorizzare un "monumento", reinterpretandolo attraverso un approccio contemporaneo, preservandone al tempo stesso la storicità e l'immagine iconica.
Un gioco ironico trasforma così la torre in una fontana. Essa, perdendo la sua funzione originale, attraverso un rubinetto "macroscopicizzato", vede la propria cisterna "svuotarsi".
La funzione pubblica del manufatto viene preservata, infatti, tramite livelli calpestabili usufruibili a varie altezze, il cittadino potrà sperimentare un' esperienza nuova: poter osservare scorci della città prima "irraggiungibili".
Nella parte sottostante un piccolo "parco urbano" unirà due porzioni di città oggi sconnesse e diventerà uno sfogo naturale a Viale Mellano, diventando così un'area nella quale sostare, riposarsi o più semplicemente stare in compagnia.

Ripple Effect, come dice il nome stesso, vuole essere l'input iniziale per un concatenamento di interventi atti alla ri-valorizzazione delle bellezze artistiche ed architettoniche della città.
Riappropriarsi degli spazi pubblici per poterne usufruire durante la nostra vita è un compito non solo prioritario, ma fondamentale per poter trasmettere ai nostri figli città più belle e rispettose della nostra storia.


english

back to project


 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu